A Monza due giornate all’insegna dello sport e della solidarietà

Sabato 14 e domenica 15 nella centralissima piazza Trento e Trieste di Monza saranno protagoniste due associazioni impegnate a diffondere sul nostro territorio i valori positivi e formativi dello sport.

Daniele Garozzo

Sabato 14 protagonista sarà la Scherma, sport affascinante, dalle origini antiche; una disciplina ancora non molto praticata in Italia, rispetto ad altri sport più tradizionali, nonostante proprio la scherma italiana brilli per eccellenza nel mondo. La manifestazione è allestita da Scherma&20, un’associazione che ha come scopo principale quello di avvicinare questo sport al grande pubblico, portandolo fuori dalle palestre, nelle strade e nelle piazze. Dalle 10 fino alle 18 sarà possibile assistere ad incontri dimostrativi di fioretto, spada e sciabola, ricevere informazioni e conoscere Daniele Garozzo, schermidore siciliano, classe 1992, oro nel fioretto individuale alle Olimpiadi di Rio 2016 e vincitore – sempre nel fioretto – dei Campionati europei di quest’anno. Garozzo, studente di medicina a Roma, è impegnato da tempo nel sociale. Già testimonial per le campagne di vaccinazioni in Africa dei Medici senza Frontiere, interverrà quale testimonial della associazione marchigiana onlus il salvagente”, che si occupa di aiutare persone e famiglie in difficoltà.

Domenica 15 si svolgerà la corsa “5K abilityrun”, ad andatura libera aperta a tutti, promossa dalla Fondazione monzese  Alessio Tavecchio onlus.

Oltre alla corsa (a cui è possibile iscriversi visitando il sito www.alessio.org) verrà allestito in piazza il villaggio sportivo “ability day”, dove sarà possibile sperimentare lo sport paralimpico – dal basket al tennis in carrozzina, dalla scherma al tiro con l’arco, ed altri ancora e tentare di superare i propri limiti. Le attività cominceranno alle 9 del mattino e proseguiranno per tutta la giornata. La partecipazione al  village è gratuita.

Alessio Tavecchio è un atleta paralimpico di nuoto, da quando – nel 1993, a  23 anni – un grave incidente in moto  lo ha costretto in carrozzina. Dotato di una grandissima forza di volontà, da quel giorno Alessio non si è arreso e ha cominciato a nuotare vincendo i Campionati nazionali prima, poi gli europei ed infine qualificandosi per le Paraolimpiadi di Atlanta del 1996, dove è arrivato in finale. La fondazione che presiede si occupa di promuovere varie iniziative nel sociale, mirate a sensibilizzare i ragazzi , dalla consapevolezza stradale ai valori dello sport, in aiuto e superamento delle disabilità. Il suo sogno è aprire a Monza un Open village polifunzionale dedicato allo sport ed alla riabilitazione.

 

Link: [email protected]  www.alessio.org www.ilsalvagente.org www.medicisenzafrontiere.it


Federico Pizzini



Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: