Scacco Matto: le mosse di base | Ep.2

Trovi qui tutte le puntate precedenti:

Nello scorso articolo abbiamo parlato del perché sia un bene giocare a scacchi; ora vi spiegherò le regole fondamentali per farlo.

La scacchiera

La scacchiera è un quadrato 8 x 8. Le caselle sono dette case, disposte, alternativamente, in colore chiaro e colore scuro. La scacchiera è divisa immaginariamente in 8 file di case verticali, dette colonne, e 8 file di case orizzontali, dette traverse. Naturalmente sulla scacchiera sono presenti anche le diagonali, definite come case consecutive dello stesso colore poste in linea obliqua.

Per disporre la scacchiera vale la seguente regola:

La casa della scacchiera posta nell’angolo a destra del giocatore deve essere di colore chiaro.

Le singole case sono inoltre identificabili tramite due coordinate:

Disposizione corretta della scacchiera rispetto ai giocatori

I giocatori dispongono all’inizio dello stesso numero di pezzi, 16 bianchi o 16 neri, distribuiti così: 1 Re, 1 Regina , 2 Torri, 2 Alfieri, 2 Cavalli, 8 Pedoni.

I pezzi vanno disposti sulla scacchiera, facendo attenzione ad una semplice regola: “La Donna va nella casa del proprio colore”.

Disposizione corretta dei pezzi sulla scacchiera ad inizio partita

Come si muovono i pezzi negli scacchi?

Il Re: è il pezzo più importante dello schieramento, dato che perderlo significa automaticamente essere sconfitti. Si può muovere di una casa alla volta in una qualunque direzione.

La Regina: si sposta come il Re, ma può farlo di quante case il giocatore vuole. Questo pezzo può muoversi a piacimento o lungo una colonna, o lungo una traversa, o lungo una diagonale, purchè le linee comprendano la casa di partenza.

Le Torri: si muovono verticalmente o orizzontalmente di un numero a piacere di case e, assieme alla Regina, vengono definiti i pezzi pesanti.

L’Alfiere: si muove lungo le diagonali, di quante case si vuole, ma sempre e solo in linea retta. Ogni giocatore, per tale motivo, ha due Alfieri: uno si muove lungo le diagonali scure, l’altro lungo quelle chiare, e sono denominati, rispettivamente, Alfiere camposcuro e Alfiere campochiaro.

Il Cavallo: è il pezzo più caratteristico degli scacchi, dato che ha un movimento molto particolare, nonché la possibilità di saltare pezzi del proprio schieramento e di quello avversario per raggiungere la casa di arrivo. Segue un movimento a ‘L’ e cosi facendo si può trovare alternativamente su case chiare e scure.

Il Pedone: è l’unico pezzo che per spostarsi si muove in un certo modo, mentre per mangiare si muove in tutt’altra maniera. Può muoversi solamente in avanti, mai indietro. Esso, in genere, si sposta di una sola casa alla volta in avanti, a meno che non parta dalla fila di partenza, in quel caso può spostarsi anche di due case in un colpo solo. Per catturare un pezzo avversario si muove come l’Alfiere, ma solo di una casa alla volta e sempre e solo in avanti.


Bianca Misino



Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: