Siamo sicuri di ciò che mangiamo?

Forse non tutti sono a conoscenza che il cibo che comunemente ingeriamo non è sempre sicuro e salutare per il nostro organismo.

A volte quello che può sembrare invitante e appagante per i nostri sensi nasconde delle vere e proprie insidie.

Prendiamo per esempio le ciliegie: frutto irresistibile, con il suo colore rosso vivo, molto gratificante per la vista e soprattutto per il gusto. Ma attenzione a quando le mangiamo, se casualmente ingerissimo una quantità rilevante di noccioli o, se solo li rompessimo, potremmo causare dei problemi al nostro sistema circolatorio. L’acido cianidrico ne sarebbe la causa, in quanto esso impedisce il trasporto di ossigeno nel sangue.

Il secondo alimento che possiamo prendere in considerazione sono le mandorle-cianuro. A molti potrebbe sembrare un collegamento un po’ bizzarro, ma pian piano ci arriveremo. Nelle mandorle amare vi è l’amigdalina che, nel nostro corpo, produce l’acido cianidrico (eccolo ricomparire), da cui si ottiene il velenoso cianuro. Quindi mandorle dolci IN, amare OUT. Anche i semi delle mele contengono la stessa sostanza dannosa presente nelle mandorle, un loro consumo elevato (mezza tazza) può risultare letale.

Che dire dei fagioli? Amati o odiati, sostanziosi come una bistecca grazie alle proteine in essi contenute, ma crudi risultano velenosi. La causa è una tossina chiamata fitoemoagglutimina, quindi, previo cottura, si consiglia un ammollo.

Passiamo ora ai pomodori, frutto altamente istaminico, a alle patate, entrambi vanno consumati con moderazione. A farla da padrone è un pesticida naturale, la solanina, la cui tossicità provoca avvelenamento.

Altro alimento adorato da molti, i funghi!! Chi, almeno una volta nella vita, non li ha consumati cotti o crudi? Ebbene, sono responsabili di non favorire una corretta digestione, soprattutto se mangiati crudi.

La prossima nella lista è la noce moscata, spezia profumata usata spesso in cucina per esaltare il sapore di molte pietanze. In notevoli quantità provoca nel nostro organismo lo stesso effetto degli allucinogeni. Convulsioni e allucinazioni sono causate dalla miristicina, una sostanza neurotossica.

Ed ultimo, ma non per importanza, un esserino piccolo molto letale, il pesce palla. Per fortuna in Europa non vi è un consumo elevato di questo esemplare. Un solo milligrammo di tetroditossina è responsabile della morte di un uomo.

Infine, l’unico raccomandazione che sorge spontaneo è di state attenti a quello che, molte volte, ingeriamo e gustiamo con leggerezza.


Fonti:

www.focus.it


Consuelo Giordan



Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: