Storia dello sport: il calcio

Il calcio è uno degli sport più famosi e diffusi al mondo. Ma dove, quando e perché è nato?
Le sue origini sono antichissime, anche se in realtà ha cominciato ad essere simile a ciò che noi intendiamo ora per calcio solo agli inizi del 1800.

Alcuni storici attribuisco la creazione di questo gioco ad un popolo azteco, che utilizzava per giocare una a palla molto pesante. Lo scopo del gioco era mandare questa palla all’interno di un canestro sospeso, usando però solamente i fianchi. Ovviamente i giocatori riportavano spesso ferite o addirittura fratture.

Intorno al 1100 a.C, in Cina, si diffuse lo Tsu-chù. Era un gioco che aveva come obiettivo quello di buttare una palla, formata da piume e capelli di donna, in un buco formato da 2 canne di bambù. Questo possiamo dire che sia il vero antenato del calcio moderno, in quanto rispecchia le dinamiche di base del gioco, ovvero banalmente far entrare la palla in una porta.

Un giocatore di Kemari in abiti tradizionali

Ufficiosamente però il calcio nasce in Giappone, circa nel 664 a.C, sotto il nome di Kemari.
Il Kemari consisteva nel passarsi un pallone di cuoio, al cui interno era presente una vescica di animale gonfiata, usando tutte le parti del corpo (piedi, testa, petto ….) tranne le mani e senza farla mai cadere per terra.

Nel IV secolo in Grecia e nel II a Roma, si diffonde un qualcosa di simile a ciò che abbiamo visto in Giappone, ma nella versione romana era consentito anche l’uso delle mani e lo scopo era quello di portare la palla al di la della linea avversaria.

Una partita di calcio fiorentino

Facciamo ora un grande salto temporale e passiamo al Medioevo, dove il gioco venne prima regolamentato perché troppo violento, e in seguito addirittura proibito. I primi luoghi in cui venne proibito furono l’Inghilterra e poco dopo la Francia.

Molto interessante invece è quello che avvenne in Italia nel XVIII secolo, quando nacque il “calcio fiorentino”, nel quale avveniva uno scontro tra la parte sinistra e destra dell’Arno. Era una vera e propria battaglia politica, e il vincitore aveva il diritto di appropriarsi delle insegne avversarie. Il luogo in cui si praticava era piazza Santa Croce. Negli anni seguenti anche in altre città italiane nacquero sport simili a questo. Attualmente quell’antico gioco è ricordato a Firenze, ogni anno, con una fedele ricostruzione in costume.

Il vero e proprio gioco del calcio nasce però nel XIX in Gran Bretagna, dove si riunisce un’assemblea per stabilire il regolamento ufficiale e creare una federazione calcistica. Nasce così, il 26 ottobre 1863, la Football Association.
Arriviamo così ai giorni nostri, dove il calcio è diffusissimo in tutto il mondo e dove esistono migliaia e miglia di squadre.


Lorenzo Di Martino



Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: