ASMR, Sensazioni di piacere in modi mai provati prima

Che cos’è L’ASMR

Il termine ASMR, un neologismo comparso per la prima volta su internet nel 2010, indica una sensazione di piacere, composto da una serie di brividi e formicolii che dal cuoio capelluto scendono verso le spalle e la spina dorsale e causano uno stato di rilassamento mentale in chi lo sperimenta.

ASMR è un acronimo, che sta per “Risposta Autonoma del Meridiano Sensoriale” (in inglese Autonomous Sensory Meridian Response) una condizione psicologica che è ad oggi oggetto di studi, ma che a causa del fatto che non tutte le persone riescono a provarla, le ricerche per capire come questo fenomeno funziona sono molto complesse e lunghe; tanto che i medici non sono tuttora sicuri della sua esistenza.

Come provare questo fenomeno

Olofono professionale

Le persone, per provare queste sensazioni, hanno bisogno di essere stimolate dalla vista di particolari sequenze video, dal tatto con precisi oggetti, o più comunemente dall’ascolto di una serie di suoni raccolti attraverso uno strumento di registrazione chiamato olofono.

L’olofono è infatti un apparecchio formato da diversi microfoni che registrano l’audio proveniente dall’esterno in modo molto fedele a come l’orecchio umano li percepisce.

Una volta riascoltati attraverso l’utilizzo di cuffie isolanti, l’ascoltatore non percepisce più i suoni come se provenissero dal dispositivo di riproduzione che sta utilizzando (le cuffie), ma li sperimenta come se fossero inseriti in uno spazio tridimensionale molto fedele a quello nel quale, questi suoni, sono stati registrati.

Diagramma della disposizione dei microfoni all’interno di un’olofono

La natura degli stimoli

Gli stimoli, chiamati anche “Triggers”, possono essere di diverso tipo.

Possono essere infatti suoni di ambienti naturali, come il vento o l’acqua che scorre, possono essere costituiti da persone che bisbigliano o persino dalla più comune musica.

Sui moderni Social si possono ascoltare diversi tipi di Stimoli, grazie a persone che, per esempio su YouTube, caricano ogni giorno numerosi video contenenti i Triggers più disparati, così che ogni persona possa provare in prima persona questo fenomeno e scoprire se si è particolarmente sensibili a precisi suoni.

Un esempio di produzione dei Trigger

Fonti:

YouTube

Wikipedia


Emanuele Locati



Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: