Evoluzione: tracce del passato nell’uomo

Quanto diritto abbiamo di ritenerci Esseri Umani, staccandoci dal regno animale? Molto poco. Il nostro organismo presenta ancora dei tratti tipicamente “animaleschi”, sebbene lo homo sapiens esista e sia soggetto all’Evoluzione da circa 195 000 anni, che ora hanno perso la loro utilità. Queste particolarità vengono chiamate “vestigia”, dal latino vestigium, impronta, orma. Vediamone qualcuno insieme:

Peli folletto

Molti sanno che l’uomo è addirittura più peloso di uno scimpanzé, cosa che a primo impatto pare impossibile. La nostra pelle è completamente ricoperta di una sottile e morbida peluria; questa è un retaggio evolutivo di quando avevamo una spessa pelliccia. Lo stesso vale per i muscoli orripilatori, cioè gli erettori dei peli, perché gonfiare la pelliccia era usato come elemento intimidatorio per sembrare più grossi.

Coccige

Il coccige prende il suo nome dal greco κόκκυξ (kòkkyx), che significa “cuculo”, per la somiglianza con la forma del suo becco. È l’ultimo segmento rudimentale della colonna vertebrale ed è formato da 4 a 6 segmenti fusi tra loro, che però sono diversi dalle vertebre. Presentano solo delle strutture che hanno un’utilità articolare. È l’ultima testimonianza della coda che caratterizzava i nostri antenati in epoca remota. Molto raramente  in alcuni nascituri ci sono ulteriori vertebre  al di sotto di esso che formano una piccola coda, chiamata appunto coda vestigiale.

Campo visivo

Gli uomini hanno una visione tubolare, propriamente “a forma di tubo”. Questo è un altro relitto dell’evoluzione, perché sono i maschi delle specie animali che si occupano di proteggere la comunità dagli attacchi dei predatori, quindi era utile vederli prima che si avvicinassero. Al contrario, le donne hanno una visione periferica migliore, poiché il loro compito era quello di badare alla prole e controllare che nessun cucciolo si allontanasse, perciò si rendono conto in modo più preciso dello spazio circostante. Questa può essere la spiegazione del perché gli uomini non trovano mai nulla, anche se è proprio davanti ai loro occhi…

 

Queste sono solo alcune delle caratteristiche abbiamo ereditato e che con il passare di eoni elimineremo e ci adatteremo sempre meglio al nostro ambiente. Questi fattori sono una delle prove più importanti della Teoria dell’Evoluzione.

 

Fiore Artelli


Fonti:

www.wikipedia.org

 



Fiore Artelli

Freelance Journalist

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: