Come e quando il nostro corpo capisce che siamo sazi?

Ognuno di noi sente ogni giorno il bisogno di mangiare e, una volta sazio, solo dopo poche ore risente di nuovo questo bisogno. Vediamo le cause di questo fenomeno e tutto ciò che è collegato ad esso.

Quando abbiamo bisogno di mangiare, il nostro corpo ci manda dei messaggi, in particolare l’intestino, che inizia a lamentarsi. Genera una forte e spesso spiacevole sensazione che è impossibile ignorare, a quel punto iniziamo a mangiare fino a che non si genera una sensazione opposta, ovvero siamo pieni.

Ma come fa il nostro corpo a capire che non necessita più di cibo?

posizione dell’ ipotalamo

Ciò che mangiamo arriva al nostro stomaco, che quindi si riempie. Più cibo viene introdotto, più lo stomaco si “gonfia”, proprio come se fosse un palloncino, fino a raggiungere un limite. A quel punto si attivano dei nervi che si trovano sulle sue pareti, questi nervi mandano un messaggio, tramite il nervo vago, all’ipotalamo, la parte del cervello che si occupa di gestire il meccanismo fame-sazietà.

Ovviamente in base a cosa mangiamo ci sono risposte differenti da parte del nostro cervello, questo è dovuto alle cellule endocrine che si trovano nel sistema digestivo (stomaco, pancreas, intestino), che inviano segnali chimici al cervello sotto forma di ormoni diversi rispetto a cosa si assumiamo. Facciamo l’esempio dell’acqua: essa riempie molto facilmente lo stomaco ma soddisfa per brevissimo tempo la sensazione di fame.

Un altro fattore molto importante è la velocità con cui mangiamo. Infatti mangiando più lentamente ci sentiamo sazi con meno cibo. Questo perché il segnale ha bisogno di un certo tempo per arrivare al cervello, quindi mangiando con calma l’ipotalamo ha il tempo necessario per ricevere correttamente tutti i messaggi. Mangiando molto velocemente il corpo non fa in tempo a rendersi conto della quantità di cibo, quindi siamo in grado di mangiare più del necessario.

Una volta finito di mangiare ci sentiamo sazi, ma ovviamente è un qualcosa di momentaneo. Ci sono cibi però che sono più efficaci rispetto ad altri sotto questo punto di vista, ovvero garantiscono per più tempo questa sensazione di sazietà. Ad esempio le patate bollenti sono ai primi posti in questa lista, mentre invece i croissant sono agli ultimi. In generale alimenti con molta acqua fibre e proteine saziano per più tempo.


Lorenzo Di Martino

[Banner_Box]

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: